Passa al contenuto principale

Valnerina e le sue botteghe

Valnerina

In qualunque stagione dell’anno, da qualunque strada la raggiungi, la Valnerina strappa sempre agli occhi del viaggiatore uno sguardo di meraviglia. È come entrare in una dimensione diversa da quella che ti lasci alle spalle. Natura aspra e sontuosa, monti fronduti e improvvisi pianori, piccoli borghi abbarbicati in una solitudine orgogliosa, eremi e torri a custodire la storia, colori accesi di luci e intriganti di chiaroscuri.

Terra dai sapori forti e dalle eccellenze gastronomiche: il tartufo nero, re della cucina, le lenticchie doc e altri cereali “antichi”, lo zafferano, i formaggi e le “norcinerie”, termine che proprio da Norcia deriva, e che racchiude in una sola parola l’arte della lavorazione della carne suina in modo tradizionale, i protagonisti di quest’arte e i prodotti saporiti e inimitabili che ne derivano.

Valnerina, tanto preziosa quanto fragile: profondissime e ancora scoperte le ferite del sisma del 2017, che ha prostrato l’economia del territorio. Un’economia e una terra in cerca di riscatto, che insegue caparbiamente, anche tentando di veicolare la sua unicità attraverso gli strumenti e i linguaggi nuovi offerti dal digitale e dall’innovazione.